Sicilia: non solo mare

L'Associazione Culturale Territorio e Ambiente (ACTA) con sede a Furnari (ME) e a Pachino (SR) lavora in Sicilia nel settore della promozione territoriale. La nostra associazione crede molto nel potenziale del turismo rurale e del cicloturismo come volano per il rilancio delle aree meno note della nostra splendida regione, e crede nella creazione di circuiti virtuosi attraverso il coinvolgimento degli operatori locali.
Attraverso una strategia di rete lavoriamo per sviluppare pacchetti turistici che, in mano a professionisti dell'incoming, possano offrire soluzioni di ospitalità e di itinerari guidati per la riscoperta e la fruizione dei centri meno conosciuti della Sicilia.
La Sicilia è ricchissima di storia, di angoli naturalistici poco rinomati ma altrettanto affascinanti, soprattutto nell'area interna. La dominazione greca e romana ha lasciato tesori archeologici di grande pregio in tutta la regione, al di là dei luoghi più rinomati come Agrigento e Siracusa. Gli arabi hanno lasciato tracce vivissime nel costume e nel linguaggio, e la cucina siciliana risente molto dell'influenza araba nell'elaborazione di molti piatti che sono alla base della grande tradizione gastronomica locale.
Le costruzioni, le fortificazioni, i palazzi, le chiese raccontano secoli di dominazioni normanne, bizantine, spagnole, borboniche, le cui tracce sono ben custodite nei tanti piccoli e grandi musei della regione. Questo immenso patrimonio, per il turista curioso che ama entrare in contatto con la cultura e lo spirito del luogo, rappresenta una straordinaria risorsa per l'economia dell'isola, ancora troppo legata ad una idea tradizionale di turismo estivo legata al mare, alle spiagge e alla bellezza delle coste.
Puntare al cicloturismo significa anche e soprattutto allargare il calendario della stagione turistica, grazie anche alle condizioni climatiche particolarmente favorevoli che rendono l'isola di Sicilia visitabile praticamente tutto l'anno. E' una scommessa impegnativa, ma che in ACTA abbiamo deciso di accettare con una serie di progetti mirati allo sviluppo del turismo rurale.
Sicilia: non solo mare